Passa ai contenuti principali

Baklava


Arrivo in ritardo, proprio all’ultimo minuto, direi, con questa Re-cake estiva, ma ho fatto proprio bene a non farmela sfuggire.
Mi è piaciuta tantissimo e non solo a me, anche al mio maritino, il mio miglior “critico costruttivo”.
La replicherò sicuramente, perché è una buonissima versione di baklava gelato e quindi non mi resta altro da fare che consigliarla a tutti.
Aggiungo che è anche facile da realizzare, quindi va bene pure per i principianti.
Lasciatevi tentare, non ve ne pentirete!



Ingredienti:
  1. INGREDIENTI (per 6 porzioni)
  2. 500 ml di panna da montare
  3. 100 grammi di pistacchi non salati
  4. 40 grammi di burro
  5. 14 cucchiai di zucchero (sono 150 gr)
  6. 6 cucchiai di latte (sono 45 gr)
  7. 5 fogli rettangolari di pasta phillo da 22,5x30 cm
  8. 100 grammi di burro
  9. 80 grammi di pistacchi tritati grossolanamente
  10. 3 cucchiai di miele allungati con 4 cucchiai di acqua e qualche goccia di acqua di fiori d’arancio o di rose. In alternativa potete usare dello sciroppo di zucchero (zucchero liquido) per una versione più dolce.
  11. Altri pistacchi per rifinire
Istruzioni:
  1. Per il gelato
  2. In una casseruola scaldate il burro e aggiungete i pistacchi. Fateli tostare leggermente. Frullate quindi i pistacchi con lo zucchero e il latte fino a ottenere una consistenza densa.
  3. Montate la panna a neve ben ferma. Incorporate delicatamente il composto di pistacchi.
  4. Versate il composto in un contenitore in modo che, una volta tagliato il gelato, possiate ottenere dei quadrati spessi almeno 4 cm e larghi 7,5. Riponete in congelatore per almeno 10 ore o più.
  5. Per il baklava
  6. Preparate la phillo lasciandola scongelare tutta la notte. Mentre preparate il baklava tenete un canovaccio umido a portata di mano per evitare che i fogli di phillo si secchino.
  7. Sciogliete il burro e mettete da parte.
  8. Tritate finemente i pistacchi.
  9. Imburrate una placca da forno. Se necessario, rifilate la pasta phillo affinché combaci perfettamente con il fondo della teglia. Spennellate col burro e coprite con un altro foglio. Spennellate di burro anche questo. Ripetete l’operazione finché non avrete ottenuto 4 strati. Sull’ultimo strato cospargete i pistacchi tritati e distribuiteli aiutandovi con le dita.
  10. Su una superficie di lavoro, spennellate di burro l’ultimo foglio di pasta phillo. Mettete questo foglio, con la parte imburrata rivolta verso il basso, sullo strato di pistacchi. Spennellate leggermente col burro anche l’ultimo strato di pasta.
  11. Tagliate i fogli in 12 quadrati da 7,5 cm di lato.
  12. Cuocete in forno a 180° per 15 minuti o finché la superficie non sarà dorata. Cospargete il dolce con il miele aromatizzato o lo sciroppo di zucchero. Lasciate raffreddare.
  13. Assemblaggio
  14. Rimuovete il gelato dal freezer e tagliatelo in 6 quadrati di 7,5 cm di lato.
  15. Rimuovete i quadrotti di baklava dalla teglia. Mettete il gelato su un baklava e chiudete con un altro avendo cura di rivolgere il lato con le noci verso il basso, per creare un sandwich di baklava con gelato. Procedete così anche per gli altri.
  16. Completate con altri pistacchi. Servite immediatamente.



Commenti

Post popolari in questo blog

Muffin arancia e cioccolato di Luca Montersino

Ero nel Blog di  Claudia Primavera  perchè con lei avevo un appuntamento.  L'appuntamento mensile per lo #scambiamociunaricetta, al quale cerco sempre di partecipare.  Non è la prima volta che sono abbinata a lei per il nostro gioco fra Bloggalline, e lo so che nel suo "spazio" trovo sempre ricette che mi piacciono da riproporre. Ma questa volta mi sono presa più tempo, era di lei che volevo leggere, desideravo conoscerla di più. Ed è così che ho deciso per questi muffin, leggendo il suo post, facendomi trascinare da un'emozione. Ingredienti 225 g di farina 00 36 g di cacao amaro in polvere 15 g di lievito per dolci 90 g di zucchero di canna grezzo 105 g di gocce di cioccolato fondente 45 g di scorza d'arancia candita 75 g di uova 285 g di latte intero fresco 70 g di burro Procedimento In una terrina setacciate la farina , il cacao e il lievito. Aggiungete lo zucchero di canna. In un'altra ciotola sbat

Gelato al mascarpone senza gelatiera con ribes rossi e noci

Se l'avessi immaginato buono così questo gelato, non avrei certo aspettato gli ultimi giorni utili della sfida  Re-cake 2.0  di questa calda estate. Però meglio, perchè da quanto me sono mangiato da ieri, mi ha già regalato almeno 1kg...se basta. Va beh, non importa, provatelo che non solo è facile da fare ma è anche delizioso da mangiare.  La versione originale prevedeva lamponi e pistacchi, io ho usato ribes rossi e noci, visto che il regolamento prevedeva la sostituzione. Ingredienti Per il gelato al mascarpone senza gelatiera: 112 g di mascarpone 155 g di latte condensato 250 ml di panna fresca mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia 1 pizzico di sale Per la composta di ribes rossi: 125 g di ribes 50 g di zucchero 2 cucchiaini di succo di limone Per completare: 125 g di ribes rossi 30 g di noci Istruzioni: Preparate la composta mettendo le bacche di ribes in un pentolino antiaderente, insieme allo zucc

Crostata con confettura di fragole e mele

Nuovo anno nuova ricetta.  Cominciamo così, sperando che il consueto appuntamento con #scambiamociunaricetta non diventi solo un ricordo. Si partecipa sempre in meno, ed è un peccato, perché da quando lo facciamo, ha dato modo a tante di noi di conoscersi di più, e nel mio caso è stato uno stimolo a pubblicare almeno una volta al mese, visto che ultimamente sono diventata una food blogger disastrosa. E inizio questo mese di gennaio abbinata a Claudia di   La pagnotta innamorata , con la sua Crostata con marmellata fatta in casa (la ricetta di mia suocera). Non mi sono potuta attenere scrupolosamente, perché non siamo in periodo di fichi, ma ho comunque utilizzato una confettura di fragole fatta da me, e ho seguito alla lettera la sua ricetta per la pasta frolla. Ingredienti per la frolla: 220 g di farina 00 100 g di zucchero un uovo e un tuorlo 75 g di burro fuso 1 cucchiaino di lievito scorza grattugiata di un limone un bara