Passa ai contenuti principali

Baklava


Arrivo in ritardo, proprio all’ultimo minuto, direi, con questa Re-cake estiva, ma ho fatto proprio bene a non farmela sfuggire.
Mi è piaciuta tantissimo e non solo a me, anche al mio maritino, il mio miglior “critico costruttivo”.
La replicherò sicuramente, perché è una buonissima versione di baklava gelato e quindi non mi resta altro da fare che consigliarla a tutti.
Aggiungo che è anche facile da realizzare, quindi va bene pure per i principianti.
Lasciatevi tentare, non ve ne pentirete!



Ingredienti:
  1. INGREDIENTI (per 6 porzioni)
  2. 500 ml di panna da montare
  3. 100 grammi di pistacchi non salati
  4. 40 grammi di burro
  5. 14 cucchiai di zucchero (sono 150 gr)
  6. 6 cucchiai di latte (sono 45 gr)
  7. 5 fogli rettangolari di pasta phillo da 22,5x30 cm
  8. 100 grammi di burro
  9. 80 grammi di pistacchi tritati grossolanamente
  10. 3 cucchiai di miele allungati con 4 cucchiai di acqua e qualche goccia di acqua di fiori d’arancio o di rose. In alternativa potete usare dello sciroppo di zucchero (zucchero liquido) per una versione più dolce.
  11. Altri pistacchi per rifinire
Istruzioni:
  1. Per il gelato
  2. In una casseruola scaldate il burro e aggiungete i pistacchi. Fateli tostare leggermente. Frullate quindi i pistacchi con lo zucchero e il latte fino a ottenere una consistenza densa.
  3. Montate la panna a neve ben ferma. Incorporate delicatamente il composto di pistacchi.
  4. Versate il composto in un contenitore in modo che, una volta tagliato il gelato, possiate ottenere dei quadrati spessi almeno 4 cm e larghi 7,5. Riponete in congelatore per almeno 10 ore o più.
  5. Per il baklava
  6. Preparate la phillo lasciandola scongelare tutta la notte. Mentre preparate il baklava tenete un canovaccio umido a portata di mano per evitare che i fogli di phillo si secchino.
  7. Sciogliete il burro e mettete da parte.
  8. Tritate finemente i pistacchi.
  9. Imburrate una placca da forno. Se necessario, rifilate la pasta phillo affinché combaci perfettamente con il fondo della teglia. Spennellate col burro e coprite con un altro foglio. Spennellate di burro anche questo. Ripetete l’operazione finché non avrete ottenuto 4 strati. Sull’ultimo strato cospargete i pistacchi tritati e distribuiteli aiutandovi con le dita.
  10. Su una superficie di lavoro, spennellate di burro l’ultimo foglio di pasta phillo. Mettete questo foglio, con la parte imburrata rivolta verso il basso, sullo strato di pistacchi. Spennellate leggermente col burro anche l’ultimo strato di pasta.
  11. Tagliate i fogli in 12 quadrati da 7,5 cm di lato.
  12. Cuocete in forno a 180° per 15 minuti o finché la superficie non sarà dorata. Cospargete il dolce con il miele aromatizzato o lo sciroppo di zucchero. Lasciate raffreddare.
  13. Assemblaggio
  14. Rimuovete il gelato dal freezer e tagliatelo in 6 quadrati di 7,5 cm di lato.
  15. Rimuovete i quadrotti di baklava dalla teglia. Mettete il gelato su un baklava e chiudete con un altro avendo cura di rivolgere il lato con le noci verso il basso, per creare un sandwich di baklava con gelato. Procedete così anche per gli altri.
  16. Completate con altri pistacchi. Servite immediatamente.



Commenti

Post popolari in questo blog

Chocolate crinkle cookies

Ci sono persone importanti nella nostra vita, persone che vengono prima di tutto, che non devi ragionare per amarle, ma le ami e basta, a prescindere. Una figlia la ami sempre e comunque. Ami di lei le cose che ti somigliano e anche quelle completamente diverse da te. Ami la sua voce, il suo odore, il rumore dei suoi passi. Ami i suoi sorrisi, le sue lacrime, la sua forza, le sue debolezze, la sua rabbia, la sua tenerezza. La ami e basta, più di te stessa. Lei si chiama Valentina, ha ventidue anni, studia medicina, è bellissima e ama il cioccolato.

Crostata al cioccolato e lamponi

La Re-cake 2.0 è sempre un appuntamento da non perdere, per come la penso io, anche se negli ultimi tempi arrivo sempre, quasi allo scadere del tempo. Stavolta la ricetta è di indiscutibile bontà visto che parliamo di Yotam Ottolenghi, e quindi non possiamo far altro che inchinarci al maestro. Certo, non si tratta assolutamente di una preparazione dietetica, ma rimane il fatto che questa crostata è un goduria e che mi ha permesso di smaltire la cioccolata delle uova di Pasqua. A questo punto non vi rimane che provare a farla...mi ringrazierete.




Torta fredda al caffè

Che strana estate questa. Diversa da tutte le altre. Senza più punti di riferimento. Ma la certezza di potercela fare. Ancora in bilico. Ma senza più paura di guardare giù. Molto tempo dal mio ultimo post. Ogni tanto la voglia di mollare tutto. O forse no. E mi riaffaccio con un nuovo #scambiamociunaricetta  e mi cimento nella preparazione della  Torta fredda al caffè di Peppe ai fornelli.







Ingredienti
(stampo da 20 cm)
500 ml di yogurt al caffè 250 ml di panna da montare zuccherata 50 g di zuccchero a velo mezzo cucchiaino di caffè in polvere 250 g di biscotti (io ho usato le Digestive) 100 g di burro morbido 3 fogli di colla di pesce una tazzina di latte cacao amaro




Istruzioni

Montare la panna e metterla nel frigorifero. Frullare i biscotti e amalgamarli al burro morbido. Foderare con carta forno il fondo di uno stampo a cerniera e con dell'acetato la parete. Introdurre al suo interno le briciole di biscotto e livellare schiacciando con il dorso di un cucchiaio. Riporre in frigorifero…