Passa ai contenuti principali

Tartellette con formaggio di capra, uva e rosmarino


Questo mese, lo Staff di  Re-cake, ha davvero superato se stesso!
La ricetta eletta per il gioco mi ha immediatamente conquistata sia per la scelta dell’uva, frutta regina dell’autunno, sia per l’impasto del guscio di queste crostatine croccantissime e infine anche per il formaggio di capra, leggero e saporito, arricchito dall’aroma inconfondibile del rosmarino.
Insomma un tripudio di sapori per queste tartellette che mi sono piaciute davvero tantissimo!
Vi invito dunque a provarle, non sono troppo complicate da realizzare e vi permetteranno di fare un figurone con i vostri amici al momento dell’aperitivo. Basterà servirle con il vino giusto ed il gioco è fatto.  
Continuate a leggere che vi svelo come le ho preparate.






Ingredienti:
  1. INGREDIENTI (per 4 porzioni)
  2. Per i gusci delle tartellette
  3. 190 grammi di farina di mandorle
  4. 20 gr di farina 00
  5. 10 gr di tapioca o fecola di patate
  6. 45 ml di olio più altro per oliare gli stampi
  7. 1/4 di cucchiaino di lievito chimico
  8. La punta di un cucchiaino di sale
  9. 1 uovo
  10. Per la farcia al formaggio di capra
  11. 225 grammi di formaggio di capra morbido
  12. 1 spicchio d’aglio
  13. 1 cucchiaio di rosmarino fresco
  14. 15 ml di olio extravergine di oliva
  15. 30 ml di di succo di limone
  16. Qualche cucchiaiata di acqua
  17. Sale qb
  18. Pepe qb
  19. Per l’uva arrostita
  20. 250 grammi di uva bianca o nera di una varietà senza semi
  21. 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  22. Sale qb
  23. Pepe qb
Istruzioni:
  1. PREPARATE I GUSCI DELLE TARTELLETTE
  2. Preriscaldate il forno a 175°C.
  3. Oliate leggermente gli stampi che utilizzerete e mettete da parte.
  4. Riunite tutti gli ingredienti in un’ampia ciotola e mescolate bene.
  5. L’impasto tenderà leggermente a sbriciolarsi, ma si compatterà quando sarà pressato negli stampi.
  6. Suddividete l’impasto equamente negli stampi e pressate beneformando uno strato uniforme sia sul fondo che sui bordi.
  7. Mettete gli stampi in una teglia e infornate per 15-20 minuti o finché i gusci delle tartellette non saranno ben dorati. Se dovessero scurirsi troppo, copriteli con un foglio di alluminio.
  8. Una volta cotti, rimuovete gli stampi dal forno e fate raffreddare.
  9. Portate la temperatura del forno a 200°C per cuocere l’uva.
  10. PREPARATE LA FARCIA
  11. Mentre i gusci delle tartellette si raffreddano, mettete l’aglio e il rosmarino in un frullatore o un tritatutto. Azionatelo a impulsi per più volte, fino a sminuzzarli.
  12. Aggiungete ora il formaggio di capra, l’olio e il succo di limone.
  13. Frullate finché non avrete ottenuto una consistenza liscia e cremosa, aggiungendo se necessario un po’ d’acqua, poca alla volta, per far sì che sia bella vellutata. Non aggiungetene comunque più di 60 ml.
  14. Rimuovete i gusci delle tartellette dagli stampi e sistemateli su un piatto da portata. Assicuratevi che siano completamente freddi.
  15. Riempiteli ora con la farcia al formaggio, livellando bene la superficie con una spatola, se necessario.
  16. Mettete le tartellette in frigo affinché si rassodino.
  17. PREPARATE L’UVA ARROSTITA
  18. Preriscaldate il forno a 200°C
  19. Prendete una teglia dai bordi bassi e disponetevi i grappoli d’uva in un unico strato.
  20. Irrorate con l’olio e condite con sale e pepe.
  21. Cuocete in forno per 15-20 minuti, finché gli acini non inizieranno a scoppiare e il succo che li circonda non inizia a caramellare.
  22. COMPLETATE LE TARTELLETTE
  23. Quando l’uva si sarà raffreddata e la farcia al formaggio si sarà rassodata, disponete i chicchi sulle tartellette (potete rimuoverli dal raspo, se volete). Decorate con rosmarino fresco e servite subito o conservatele in frigo fino al momento di servirle.


















Commenti

Post popolari in questo blog

Chocolate crinkle cookies

Ci sono persone importanti nella nostra vita, persone che vengono prima di tutto, che non devi ragionare per amarle, ma le ami e basta, a prescindere. Una figlia la ami sempre e comunque. Ami di lei le cose che ti somigliano e anche quelle completamente diverse da te. Ami la sua voce, il suo odore, il rumore dei suoi passi. Ami i suoi sorrisi, le sue lacrime, la sua forza, le sue debolezze, la sua rabbia, la sua tenerezza. La ami e basta, più di te stessa. Lei si chiama Valentina, ha ventidue anni, studia medicina, è bellissima e ama il cioccolato.

Crostata al cioccolato e lamponi

La Re-cake 2.0 è sempre un appuntamento da non perdere, per come la penso io, anche se negli ultimi tempi arrivo sempre, quasi allo scadere del tempo. Stavolta la ricetta è di indiscutibile bontà visto che parliamo di Yotam Ottolenghi, e quindi non possiamo far altro che inchinarci al maestro. Certo, non si tratta assolutamente di una preparazione dietetica, ma rimane il fatto che questa crostata è un goduria e che mi ha permesso di smaltire la cioccolata delle uova di Pasqua. A questo punto non vi rimane che provare a farla...mi ringrazierete.




Torta fredda al caffè

Che strana estate questa. Diversa da tutte le altre. Senza più punti di riferimento. Ma la certezza di potercela fare. Ancora in bilico. Ma senza più paura di guardare giù. Molto tempo dal mio ultimo post. Ogni tanto la voglia di mollare tutto. O forse no. E mi riaffaccio con un nuovo #scambiamociunaricetta  e mi cimento nella preparazione della  Torta fredda al caffè di Peppe ai fornelli.







Ingredienti
(stampo da 20 cm)
500 ml di yogurt al caffè 250 ml di panna da montare zuccherata 50 g di zuccchero a velo mezzo cucchiaino di caffè in polvere 250 g di biscotti (io ho usato le Digestive) 100 g di burro morbido 3 fogli di colla di pesce una tazzina di latte cacao amaro




Istruzioni

Montare la panna e metterla nel frigorifero. Frullare i biscotti e amalgamarli al burro morbido. Foderare con carta forno il fondo di uno stampo a cerniera e con dell'acetato la parete. Introdurre al suo interno le briciole di biscotto e livellare schiacciando con il dorso di un cucchiaio. Riporre in frigorifero…