Passa ai contenuti principali

Biscotti rustici alle nocciole


Questi biscotti rustici alle nocciole, che adoro, mi servono per parlarvi di un nuovo progetto. 
Sfruttando la mia vena creativa, ho realizzato una serie di scatoline porta confetti, da utilizzare come bomboniere per le occasioni più diverse: matrimoni, battesimi, comunioni, lauree.
Mi piace usare materiali naturali, il lino, il cotone, il legno, il bamboo.
E creare decorazioni floreali con il filo Pirkka, che è un particolare tipo di carta Finlandese, strutturata in fili che vengono prima attorcigliati e poi tinti.
Una volta aperti per lavorarli mostrano varie sfumature di colore.
E’ una carta particolare che resiste alla luce e all’acqua e non assorbe la polvere.
Non so dove mi porterà questa nuova attività, anche se per il momento è soprattutto un hobby, che mi diverte e mi rilassa come la cucina, spero che si trasformi in qualcosa di più.
Al momento ho realizzato le bomboniere per la festa di Laurea del figlio di una mia carissima amica.
Tanto lavoro ma anche tantissima soddisfazione.
Chiaramente non solo scatole.
Un po’ per volta vi mostrerò anche gli altri lavori.
Nei prossimi post fra cucina e fiori di Pirkka.



Ingredienti per 20 biscotti:

un bicchiere di latte
un bicchiere di zucchero grezzo di canna
1 bicchiere di olio di semi di arachidi
1 bicchiere di farina d’ avena
1 bicchiere di farina di riso
1 bicchiere di farina di grano tenero
100 g di nocciole piemontesi



Fare una fontana con le farine.
Inserire al centro gli altri ingredienti, per ultime le nocciole,
ed impastare finché  il composto non si appiccica più alle mani.
Se occorre aggiungere altra farina.
Formare con l’impasto un cilindro e tagliarlo a fette di circa 1 cm di spessore.
Passare i biscotti nello zucchero di canna, solo da un lato,
e posizionarli su una teglia foderata con carta forno, con la parte zuccherosa rivolta verso l’alto.
Infornare a 180° per circa 18 minuti.








Commenti

Post popolari in questo blog

Chocolate crinkle cookies

Ci sono persone importanti nella nostra vita, persone che vengono prima di tutto, che non devi ragionare per amarle, ma le ami e basta, a prescindere. Una figlia la ami sempre e comunque. Ami di lei le cose che ti somigliano e anche quelle completamente diverse da te. Ami la sua voce, il suo odore, il rumore dei suoi passi. Ami i suoi sorrisi, le sue lacrime, la sua forza, le sue debolezze, la sua rabbia, la sua tenerezza. La ami e basta, più di te stessa. Lei si chiama Valentina, ha ventidue anni, studia medicina, è bellissima e ama il cioccolato.

Crostata al cioccolato e lamponi

La Re-cake 2.0 è sempre un appuntamento da non perdere, per come la penso io, anche se negli ultimi tempi arrivo sempre, quasi allo scadere del tempo. Stavolta la ricetta è di indiscutibile bontà visto che parliamo di Yotam Ottolenghi, e quindi non possiamo far altro che inchinarci al maestro. Certo, non si tratta assolutamente di una preparazione dietetica, ma rimane il fatto che questa crostata è un goduria e che mi ha permesso di smaltire la cioccolata delle uova di Pasqua. A questo punto non vi rimane che provare a farla...mi ringrazierete.




Torcetti zuccherati al cocco

Il Blog ha cambiato casa, e come in un trasloco che si rispetti, avrà bisogno del tempo necessario per sistemarsi, abbellirsi e riorganizzarsi.  Si, proprio così, io e il mio spazio web, torneremo pian piano rigenerati. Ma anche se non sono ancora proprio pronta, con il solito entusiasmo partecipo al giochino mensile dello  #scambioricette che vede le #bloggalline più unite che mai.  E' Chiara Lazzarin di "La pulce tra i Fornelli" la mia compagna, stavolta, e nel suo bellissimo e già da me più volte visitato Blog ho scelto questi biscotti. E ho fatto proprio bene: super buoni!