Passa ai contenuti principali

Brioche sfogliata allo zucchero di Conticini



E' da tanto che non mi sento a casa. 
Nel senso più vero del termine.
Perché cambiare vita non è mai facile, anche quando è profondamente una scelta.
Ma cambiare casa, dopo tanti anni, è terribilmente doloroso.
Un strappo sul cuore.
L' odore invitante di questa brioche, mi ha restituito un ricordo e per un attimo, come per magia mi sono sentita di nuovo fra le mie vecchie mura.
E' così che vi presento la Re-Cake 2.0 di questo inizio autunno.
Raccontandovi un'emozione.
Un lievitato impegnativo, ma credetemi, di grande soddisfazione.







Ingredienti

Per la pasta brioche:

510 g di farina
un cucchiaino di sale
40 g di zucchero
150 ml di latte 
20 g di lievito di birra fresco
3 uova medie
50 g di burro più una noce per imburrare


Per le pieghe:

300 g di burro di ottima qualità

Per lo sciroppo:

30 g di zucchero
30 ml di acqua

Per la farcia:

30 g di granella di zucchero






Procedimento:

Preparate lo sciroppo facendo bollire l'acqua con lo zucchero fino al suo completo scioglimento. Lasciate raffreddare.

Nella ciotola della planetaria mettete la farina, lo zucchero, il latte, le uova e il lievito sbriciolato.
Mescolate per 5 minuti fino ad ottenere una palla.
Continuando ad impastare aggiungete il sale e il burro fino ad incorporarlo completamente.
Mettete a lievitare fino al raddoppio (circa due ore) in una ciotola unta coprendo l'impasto con la pellicola trasparente.

Nel frattempo, create con il burro per le pieghe un rettangolo di 20 cm x 25 e dopo averlo messo fra due fogli di carta forno appiattitelo con il mattarello mettetelo in frigorifero.

Riprendete l'impasto lievitato e appiattitelo formando un rettangolo 45 cm x 25, mettete il panetto di burro nel centro e ripiegate le estremità superiore e inferiore verso il centro a chiudere.
 Girate la pasta dal lato corto e stendetela fino ad avere un rettangolo 60 x 70 cm.

Realizzate il primo giro di pieghe portando il lato inferiore verso il centro e quello inferiore al di sopra, formando così una piega a tre strati.
Ruotate il rettangolo di 90° e mettete in frigo a riposare per 20 minuti.
Riprendete la pasta e proseguite con il secondo giro di pieghe, come nel passaggio precedente. Fino ad arrivare ad aver fatto tre giri di pieghe e altrettanti riposi in frigorifero.

Dopo il terzo giro, riprendete la pasta e appiattitela fino ad avere un rettangolo di 35 x 45 cm e cospargetene la superficie di granella di zucchero lasciando liberi tre cm sul fondo, che invece andrete a spennellare con lo sciroppo di zucchero.
Arrotolate il rettangolo di pasta chiudendolo bene e riponetelo nel freezer per 20 minuti,
Ungete con il burro due stampi da plumcake.

Riprendete il rotolo di pasta dal freezer e ritagliatene delle rotelle spesse circa 5 cm.
Posizionatele distanziandole negli stampi imburrati.
Fate lievitare ancora per un'oretta.
Cuocete in forno caldo a 180° per circa mezz'ora o fino ad ottenere una superficie dorata.

Potete conservarla per tre giorni ben chiusa con l'alluminio.















Commenti

Posta un commento

https://policies.google.com/privacy/update?hl=it

Post popolari in questo blog

Chocolate crinkle cookies

Ci sono persone importanti nella nostra vita, persone che vengono prima di tutto, che non devi ragionare per amarle, ma le ami e basta, a prescindere. Una figlia la ami sempre e comunque. Ami di lei le cose che ti somigliano e anche quelle completamente diverse da te. Ami la sua voce, il suo odore, il rumore dei suoi passi. Ami i suoi sorrisi, le sue lacrime, la sua forza, le sue debolezze, la sua rabbia, la sua tenerezza. La ami e basta, più di te stessa. Lei si chiama Valentina, ha ventidue anni, studia medicina, è bellissima e ama il cioccolato.

Crostata al cioccolato e lamponi

La Re-cake 2.0 è sempre un appuntamento da non perdere, per come la penso io, anche se negli ultimi tempi arrivo sempre, quasi allo scadere del tempo. Stavolta la ricetta è di indiscutibile bontà visto che parliamo di Yotam Ottolenghi, e quindi non possiamo far altro che inchinarci al maestro. Certo, non si tratta assolutamente di una preparazione dietetica, ma rimane il fatto che questa crostata è un goduria e che mi ha permesso di smaltire la cioccolata delle uova di Pasqua. A questo punto non vi rimane che provare a farla...mi ringrazierete.




Torta fredda al caffè

Che strana estate questa. Diversa da tutte le altre. Senza più punti di riferimento. Ma la certezza di potercela fare. Ancora in bilico. Ma senza più paura di guardare giù. Molto tempo dal mio ultimo post. Ogni tanto la voglia di mollare tutto. O forse no. E mi riaffaccio con un nuovo #scambiamociunaricetta  e mi cimento nella preparazione della  Torta fredda al caffè di Peppe ai fornelli.







Ingredienti
(stampo da 20 cm)
500 ml di yogurt al caffè 250 ml di panna da montare zuccherata 50 g di zuccchero a velo mezzo cucchiaino di caffè in polvere 250 g di biscotti (io ho usato le Digestive) 100 g di burro morbido 3 fogli di colla di pesce una tazzina di latte cacao amaro




Istruzioni

Montare la panna e metterla nel frigorifero. Frullare i biscotti e amalgamarli al burro morbido. Foderare con carta forno il fondo di uno stampo a cerniera e con dell'acetato la parete. Introdurre al suo interno le briciole di biscotto e livellare schiacciando con il dorso di un cucchiaio. Riporre in frigorifero…