Passa ai contenuti principali

Frittelle di carnevale - I farciò piemontesi






Il carnevale è "fritto", non c'è niente da fare.
Odio friggere, detesto l'odore che poi rimane fra i vestiti e capelli.
Ma mi piace mangiarlo, da morire.
E queste frittelle di carnevale di Francesca del blog Maccaroni reflex
sono una cosa...da leccarsi tutte le dita e non smettere mai.
E pure questa volta lo #scambiamociunaricetta è stato onorato, con grande piacere.






Ingredienti

1 bicchiere d'acqua
150 g di farina
3 uova
1 cucchiaio di zucchero
50 g di burro scorza di limone
olio per friggere
zucchero semolato per la copertura

Procedimento

Versate in una pentola l'acqua, il burro e lo zucchero. Portate a bollore l'acqua, togliete dal fuoco e aggiungete la farina.
Mescolando velocemente, rimettete sul fuoco e cuocete un paio di minuti.
Trasferite l'impasto in una ciotola e una volta intiepidito, aggiungete le uova, una per volta (aspettando che la prima si sia amalgamata prima di aggiungere l'altra).
Aromatizzate infine con la scorza di limone.
Friggete in abbondante olio bollente, mettendo giù il composto a piccoli cucchiaini.
Appena pronte scolate le frittelle su carta assorbente e poi fatele rotolare in un piatto con lo zucchero semolato.











Commenti

Post popolari in questo blog

Muffin arancia e cioccolato di Luca Montersino

Ero nel Blog di  Claudia Primavera  perchè con lei avevo un appuntamento.  L'appuntamento mensile per lo #scambiamociunaricetta, al quale cerco sempre di partecipare.  Non è la prima volta che sono abbinata a lei per il nostro gioco fra Bloggalline, e lo so che nel suo "spazio" trovo sempre ricette che mi piacciono da riproporre. Ma questa volta mi sono presa più tempo, era di lei che volevo leggere, desideravo conoscerla di più. Ed è così che ho deciso per questi muffin, leggendo il suo post, facendomi trascinare da un'emozione. Ingredienti 225 g di farina 00 36 g di cacao amaro in polvere 15 g di lievito per dolci 90 g di zucchero di canna grezzo 105 g di gocce di cioccolato fondente 45 g di scorza d'arancia candita 75 g di uova 285 g di latte intero fresco 70 g di burro Procedimento In una terrina setacciate la farina , il cacao e il lievito. Aggiungete lo zucchero di canna. In un'altra ciotola sbat

Gelato al mascarpone senza gelatiera con ribes rossi e noci

Se l'avessi immaginato buono così questo gelato, non avrei certo aspettato gli ultimi giorni utili della sfida  Re-cake 2.0  di questa calda estate. Però meglio, perchè da quanto me sono mangiato da ieri, mi ha già regalato almeno 1kg...se basta. Va beh, non importa, provatelo che non solo è facile da fare ma è anche delizioso da mangiare.  La versione originale prevedeva lamponi e pistacchi, io ho usato ribes rossi e noci, visto che il regolamento prevedeva la sostituzione. Ingredienti Per il gelato al mascarpone senza gelatiera: 112 g di mascarpone 155 g di latte condensato 250 ml di panna fresca mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia 1 pizzico di sale Per la composta di ribes rossi: 125 g di ribes 50 g di zucchero 2 cucchiaini di succo di limone Per completare: 125 g di ribes rossi 30 g di noci Istruzioni: Preparate la composta mettendo le bacche di ribes in un pentolino antiaderente, insieme allo zucc

Plumcake cioccolato e caffè

Il profumo del caffè fumante, una "spazzata" ai pensieri tristi, la voglia di tornare alla vita. Ripartire timidamente da una pseudo normalità, che lascia spazio alla speranza di potercela fare. Una nuova energia che nasce dal bisogno potente di poter riavere, anche se in parte, la nostra vita. Senza dimenticare però. Impossibile dimenticare. E io comincio così, con il plumcake di  Giuseppe , mio compagno di #scambiamociunaricetta. Ingredienti 250 g di farina 00 100 g di burro morbido 150 g di zucchero 3 uova  60 g di cacao amaro 1 bustina di lievito per dolci 150 ml di latte 1 tazzina di caffè espresso ristretto e zuccherato 2 cucchiai di rum scuro 1 bustina di vanillina scorza d'arancia grattugiata Procedimento Lavorare con la frusta lo zucchero con il burro fino ad avere un composto spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, avendo cura che si amalgamino bene. Passare al setaccio la farina, il liev