Passa ai contenuti principali

Awameh


 A volte ci pensa un libro a farmi viaggiare in una terra lontana, altre volte un piatto.

Le awameh (o lokma, in turco) sono frittelle di pasta lievitata condite con uno sciroppo dolce arricchito di spezie dai sentori orientali.

Le admin di Re-Cake questa volta hanno tratto ispirazione da una ricetta di Jaudie Kalla, grande chef di origini palestinesi.

Mi sono attenuta quasi totalmente alle indicazioni se non per la spezia utilizzata: ho sostituito il cardamomo con la cannella. 

Soddisfatta del risultato, anche se come sapete non amo friggere, se non in casi assolutamente speciali, ma il carnevale assolutamente lo è.

Vorrei farvene assaggiare una, ma sono già sparite...

Una tira l'altra, ed è meglio così.

Non vi consiglio di conservarle a lungo, ma di gustarle in giornata.



Ingredienti


165 g di farina 00

70 g di amido di mais

3-5 g di lievito di birra disidratato

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di sale

200 ml di acqua


400 ml di olio per friggere


per lo sciroppo:


150 ml di acqua

250 g di zucchero

il succo di mezzo limone

1 baccello di cardamomo (per me 1 cucchiaino di cannella in polvere)

1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio o di rose

 

Procedimento:


Mettete in una ciotola la farina, l'amido di mais, lo zucchero, il lievito e il sale. Iniziate ad aggiungere l'acqua mescolando prima con una frusta poi con una spatola. 

Dovrete ottenere un impasto molto morbido e appiccicoso ma non liquido. Coprite la ciotola con pellicola e fate lievitare per una o due ore, fino al raddoppio.

Intanto preparate lo sciroppo. Mettete in una casseruola lo zucchero, l'acqua e il cardamomo. Quando lo zucchero si sarà completamente sciolto e inizierà ad addensarsi, dopo una decina di minuti, aggiungete il succo di limone e continuate a ridurre lo sciroppo per altri 3-4 minuti. Non dovrà essere uno sciroppo eccessivamente denso. Quando avrete ottenuto un bello sciroppo che scende a filo, aggiungete l'acqua di fiori di arancio o di rose.

Quando l'impasto sarà pronto mettete l'olio per friggere in una casseruola ampia e fatelo scaldare (se avete un termometro, dovrà raggiungere i 170 gradi).

Ungetevi le mani con l'olio, prendete dei pezzetti di impasto della grandezza di una piccola noce e formate delle palline, che tufferete man mano nell'olio caldo. Friggete le awameh per 3-4 minuti o finché non saranno gonfie e dorate. 

Scolate le awameh su carta assorbente.

Mettete le frittelle in una ciotola e irroratele con lo sciroppo (abbondante). Mescolate facendo in modo che siano tutte ben imbevute. Scolate quindi lo sciroppo in eccesso e sistematele su un piatto. Completate con qualche pistacchio tritato, se volete, e con petali di rosa essiccate, se volete e li avete.









Commenti

Post popolari in questo blog

Muffin arancia e cioccolato di Luca Montersino

Ero nel Blog di  Claudia Primavera  perchè con lei avevo un appuntamento.  L'appuntamento mensile per lo #scambiamociunaricetta, al quale cerco sempre di partecipare.  Non è la prima volta che sono abbinata a lei per il nostro gioco fra Bloggalline, e lo so che nel suo "spazio" trovo sempre ricette che mi piacciono da riproporre. Ma questa volta mi sono presa più tempo, era di lei che volevo leggere, desideravo conoscerla di più. Ed è così che ho deciso per questi muffin, leggendo il suo post, facendomi trascinare da un'emozione. Ingredienti 225 g di farina 00 36 g di cacao amaro in polvere 15 g di lievito per dolci 90 g di zucchero di canna grezzo 105 g di gocce di cioccolato fondente 45 g di scorza d'arancia candita 75 g di uova 285 g di latte intero fresco 70 g di burro Procedimento In una terrina setacciate la farina , il cacao e il lievito. Aggiungete lo zucchero di canna. In un'altra ciotola sbat

Plumcake cioccolato e caffè

Il profumo del caffè fumante, una "spazzata" ai pensieri tristi, la voglia di tornare alla vita. Ripartire timidamente da una pseudo normalità, che lascia spazio alla speranza di potercela fare. Una nuova energia che nasce dal bisogno potente di poter riavere, anche se in parte, la nostra vita. Senza dimenticare però. Impossibile dimenticare. E io comincio così, con il plumcake di  Giuseppe , mio compagno di #scambiamociunaricetta. Ingredienti 250 g di farina 00 100 g di burro morbido 150 g di zucchero 3 uova  60 g di cacao amaro 1 bustina di lievito per dolci 150 ml di latte 1 tazzina di caffè espresso ristretto e zuccherato 2 cucchiai di rum scuro 1 bustina di vanillina scorza d'arancia grattugiata Procedimento Lavorare con la frusta lo zucchero con il burro fino ad avere un composto spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, avendo cura che si amalgamino bene. Passare al setaccio la farina, il liev

Brioche sfogliata allo zucchero di Conticini

E' da tanto che non mi sento a casa.  Nel senso più vero del termine. Perché cambiare vita non è mai facile, anche quando è profondamente una scelta. Ma cambiare casa, dopo tanti anni, è terribilmente doloroso. Un strappo sul cuore. L' odore invitante di questa brioche, mi ha restituito un ricordo e per un attimo, come per magia mi sono sentita di nuovo fra le mie vecchie mura. E' così che vi presento la  Re-Cake 2.0  di questo inizio autunno. Raccontandovi un'emozione. Un lievitato impegnativo, ma credetemi, di grande soddisfazione. Ingredienti Per la pasta brioche: 510 g di farina un cucchiaino di sale 40 g di zucchero 150 ml di latte  20 g di lievito di birra fresco 3 uova medie 50 g di burro più una noce per imburrare Per le pieghe: 300 g di burro di ottima qualità Per lo sciroppo: 30 g di zucchero 30 ml di acqua Per la farcia: 30 g di granella di zucchero Procedim