Passa ai contenuti principali

Colac (pane rumeno delle feste)

Sono confinata in casa da qualche giorno, in isolamento fiduciario, per un contatto con un positivo al Covid.

È la seconda volta. 

Le preoccupazioni sono le stesse: per me, per i miei figli, per mia madre che vive con me e che, nonostante abbia concluso il suo ciclo di vaccinazioni, non è ancora coperta.

E poi in ansia per il "positivo" al quale voglio molto bene e non vorrei mai che gli accadesse qualcosa di brutto.

In aggiunta a tutto questo, un decreto che ci confina in zona rossa fino al 6 aprile.

Sono stanca, lo siamo tutti. 

Cerco di non deprimermi, ma è sempre più difficile.

Aspettando di poter finalmente essere vaccinati tutti, faccio appello alle mie risorse emotive positive e metto le mani in pasta...

Per me spesso è la "risposta".

La ricetta di oggi è un lievitato.

Una corona semplice di pane, originaria dei paesi dell'est Europa, tratta dal libro Carpathia della foodwriter Irina Georgescu.

Io l'ho preparata per il mensile appuntamento con Re-cake2.0.



  Ingredienti:

500 g di farina forte 

2 cucchiaini di sale

7 g di lievito di birra secco

250 ml di acqua tiepida

80 ml di olio extravergine di oliva

Per lucidare:

1 uovo sbattuto con un goccio di latte


Procedimento:


Mettete tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria. 

Impastate per una decina di minuti con la foglia e quando sarà ben incordato mettete il gancio per impasti e lavorate brevemente. Rovesciate l’impasto sul piano di lavoro, pirlatelo e mettetelo in una ciotola leggermente unta di olio. Coprite e fate lievitare per un paio d’ore o fino al raddoppio.

Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro e dividetelo in 6 parti. Con 5 dei 6 pezzi di impasto formate dei filoni lunghi 50-55 cm. Coprite con un canovaccio le palline rimaste.

Unite le estremità dei filoni da un lato. Prendete il primo filone a sinistra e portatelo al centro, tra i quattro filoni rimasti. Ora prendete il quinto filone sulla destra e portatelo al centro. Ripetete portando sempre il filone esterno verso il centro. Senza stringere troppo altrimenti l’impasto non avrà spazio per lievitare e cercate di ottenere un intreccio il più possibile regolare.

Rifilate la parte superiore, dove avete unito i capi della treccia, quindi unite le due estremità fino a formare un cerchio (al centro potete mettere un coppa pasta in metallo, che poi lascerete in cottura per ottenere un bel buco).

Prendete l’ultima pallina di impasto, dividetelo a metà e formate due cordoni da 65-70 cm. Sovrapponetele a X, quindi intrecciateli. Mettete questo cordoncino intrecciato attorno alla treccia di pane. Coprite e fate lievitare per 45 minuti in un luogo tiepido.

Preriscaldate il forno a 200 gradi in modalità statica. Spennellate il pane con l’uovo e il latte quindi ponete in forno per 30-35 minuti, coprendo con un foglio di alluminio a metà cottura se dovesse colorirsi troppo.





Servite il pane con burro e sale o come preferite.











Commenti

Post popolari in questo blog

Muffin arancia e cioccolato di Luca Montersino

Ero nel Blog di  Claudia Primavera  perchè con lei avevo un appuntamento.  L'appuntamento mensile per lo #scambiamociunaricetta, al quale cerco sempre di partecipare.  Non è la prima volta che sono abbinata a lei per il nostro gioco fra Bloggalline, e lo so che nel suo "spazio" trovo sempre ricette che mi piacciono da riproporre. Ma questa volta mi sono presa più tempo, era di lei che volevo leggere, desideravo conoscerla di più. Ed è così che ho deciso per questi muffin, leggendo il suo post, facendomi trascinare da un'emozione. Ingredienti 225 g di farina 00 36 g di cacao amaro in polvere 15 g di lievito per dolci 90 g di zucchero di canna grezzo 105 g di gocce di cioccolato fondente 45 g di scorza d'arancia candita 75 g di uova 285 g di latte intero fresco 70 g di burro Procedimento In una terrina setacciate la farina , il cacao e il lievito. Aggiungete lo zucchero di canna. In un'altra ciotola sbat

Plumcake cioccolato e caffè

Il profumo del caffè fumante, una "spazzata" ai pensieri tristi, la voglia di tornare alla vita. Ripartire timidamente da una pseudo normalità, che lascia spazio alla speranza di potercela fare. Una nuova energia che nasce dal bisogno potente di poter riavere, anche se in parte, la nostra vita. Senza dimenticare però. Impossibile dimenticare. E io comincio così, con il plumcake di  Giuseppe , mio compagno di #scambiamociunaricetta. Ingredienti 250 g di farina 00 100 g di burro morbido 150 g di zucchero 3 uova  60 g di cacao amaro 1 bustina di lievito per dolci 150 ml di latte 1 tazzina di caffè espresso ristretto e zuccherato 2 cucchiai di rum scuro 1 bustina di vanillina scorza d'arancia grattugiata Procedimento Lavorare con la frusta lo zucchero con il burro fino ad avere un composto spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, avendo cura che si amalgamino bene. Passare al setaccio la farina, il liev

Brioche sfogliata allo zucchero di Conticini

E' da tanto che non mi sento a casa.  Nel senso più vero del termine. Perché cambiare vita non è mai facile, anche quando è profondamente una scelta. Ma cambiare casa, dopo tanti anni, è terribilmente doloroso. Un strappo sul cuore. L' odore invitante di questa brioche, mi ha restituito un ricordo e per un attimo, come per magia mi sono sentita di nuovo fra le mie vecchie mura. E' così che vi presento la  Re-Cake 2.0  di questo inizio autunno. Raccontandovi un'emozione. Un lievitato impegnativo, ma credetemi, di grande soddisfazione. Ingredienti Per la pasta brioche: 510 g di farina un cucchiaino di sale 40 g di zucchero 150 ml di latte  20 g di lievito di birra fresco 3 uova medie 50 g di burro più una noce per imburrare Per le pieghe: 300 g di burro di ottima qualità Per lo sciroppo: 30 g di zucchero 30 ml di acqua Per la farcia: 30 g di granella di zucchero Procedim